NEWS 

Npl, un patto famiglie-imprese per la tenuta del sistema bancario


C’è un possibile effetto collaterale del Covid 19 che è, al momento, ancora sotto traccia. Qualcosa che Alberto Nagel, ad di Mediobanca, ha definito una bomba atomica pronta a far scoppiare i bilanci bancari: il calendar provisioning, la norma della Bce che prevede la progressiva svalutazione di Npl e Utp fino al 100% in tre anni. Nagel lo ha detto nel corso dell’audizione della Commissione parlamentare sul sistema bancario. Un problema esacerbato dal fatto che oggi – per dare sollievo alle attività produttive – i crediti sono elargiti con maglie più larghe e non è improbabile che molti diventino Utp (unlikely to pay, inadempienze probabili che non si sono ancora trasformate in sofferenze) , gravando sui conti del sistema bancario italiano mentre stava faticosamente tentando di uscire da un pantano secolare.

I soldi ci sono: bisogna farli circolare. Perché accada, serve una “moratoria occupazionale più estesa di quella decretata dal Governo. Un nuovo patto tra famiglie e imprese”, dice Manetti.

“Credo che si debbano creare le condizioni affinché spontaneamente i risparmiatori possano investire i propri soldi per dare una spinta al sistema e liberarlo dalla trappola Come? Ad esempio, investendo una piccola parte del proprio risparmio per finanziare l’acquisto dei portafogli di crediti deteriorati: toccherebbe allo Stato garantire rendimenti minimi a questi investimenti attraverso una specie di Gacs a rischio finanziario zero considerando i potenziali tassi di recupero”.


Articolo completo: focusrisparmio.com

https://www.focusrisparmio.com/news/npl-liquidita-banche-fire?utm_source=newsletter