NEWS 

WALL STREET PUNTA GIA' SULLA RIPRESA ECONOMICA GUIDATA DAI BIG DELLA TECNOLOGIA


DUE FACCE DELLA STESSA MONETA, LE GRANDI BANCHE DIMEZZANO GLI UTILI PER PREPARARSI MEGLIO ALL’IMPATTO CON LA RECESSIONE I dati che arrivano dall’economia fotografano un passato prossimo e un presente di recessione violenta appena iniziata, con le fabbriche e i negozi chiusi e la gente che perde il lavoro, mentre le aziende si preparano all’impatto. Infatti il dimezzamento degli utili dei big del credito è dovuto interamente ai miliardi di dollari accantonati per far fronte a prestiti che potrebbero non rientrare a causa di una possibile ondata di fallimenti dovuta alla recessione, se e quando arriveranno. Il rimbalzo di Wall Street è invece la fotografia del futuro di qui a qualche mese, che il mercato tenta di mettere a fuoco facendo il suo mestiere di anticipare l’evoluzione dell’economia reale. L’andamento degli scambi delle ultime due settimane dà ragione agli ottimisti, in entrambi i casi c’è stato uno spunto significativo verso l’alto alle ultime battute di venerdì (giovedì nella settimana di Pasqua), che indica un posizionamento per un ‘gap up’, vale a dire uno strappo al rialzo, alla riapertura del lunedì. Le grandi case di investimento sono abbastanza convergenti sul fatto che probabilmente i minimi sono alle spalle e che può starci tornare ad assumersi un po’ di rischio da parte di chi ha del cash da impiegare. Ma raccomandano anche di essere selettivi, andandosi a posizionare su quei settori che stanno uscendo ‘vincenti’ dalla crisi. Oltre a sanità e farmaceutici, un grande vincitore è sicuramente l’high tech e i servizi di comunicazione. Il blocco da virus ha impresso una accelerazione potente a una serie di trend già in atto: digitalizzazione, automazione, intelligenza artificiale, big data, realtà virtuale, etc. Non è un caso che tra gli indici di Wall Street il Nasdaq sia quello che ha recuperato più terreno e viaggia ormai a una distanza di poco più del 10% dai massimi dopo un tonfo di quasi il 37%. Una cosa da guardare da vicino sono le trimestrali americane, non tanto per stimare il danno fatto agli utili tra gennaio e marzo, ma per capire quanto le società quotate a Wall Street stanno prezzando il danno in arrivo tra aprile e giugno. Il consensus punta a un calo del 9% degli utili nel primo trimestre, che diventa poco più di -7% senza gli energetici. Molte aziende stanno sacrificando utili e dividendo per avere fieno in cascina nella parte più dura della recessione, nel secondo trimestre, quando è attesa una contrazione del 20% dell’economia.


A cura di financialounge.com

https://www.financialounge.com/azienda/financialounge/news/wall-street-ripresa-tecnologia/?utm_source=Investing&utm_medium=newsfeed&utm_campaign=Investing_newsfeed&refresh_CE